sabato 14 novembre 2015

Da leggere: Adrián Bravi

Adrián Bravi

L'Argentina sott'acqua di Adrián Bravi

Entre Ríos è una provincia argentina attraversata da migliaia di corsi d'acqua grandi e piccoli e incuneata tra due grandi fiumi, il Paraná e l'Uruguay: quasi un'isola, dove la lingua dei cosiddetti alemanes del Volga viene ancora parlata dai discendenti delle comunità tedesche insediate in certe zone della Russia, e poi emigrate in terre infinitamente diverse e lontane; ma anche l'italiano, l'yiddish, l'arabo hanno lasciato tracce evidenti nel complesso intreccio linguistico di un territorio che la grande ondata migratoria europea dei secoli scorsi ha popolato di colonie agricole, piccole città e paesini sperduti.

lunedì 9 novembre 2015

Anniversari e addii: Antonio Dal Masetto

Antonio Dal Masetto

El Tano se fué

Non molti, forse, si ricordano di “Emigrantes”, il primo dei nove film che Aldo Fabrizi scrisse, diresse e interpretò tra il 1949 e il 1957: la storia del muratore Giuseppe Borbone e della sua famiglia era schematica quanto ingenua, ma rifletteva un fenomeno reale, favorito dagli accordi stipulati nel secondo dopoguerra tra l'Italia e l'Argentina per fornire mano d'opera qualificata ai progetti di sviluppo economico del governo Perón. Dal '47 al '51, 300.000 italiani si aggiunsero agli oltre due milioni già partiti in anni lontani per la “terra promessa”, anche se stavolta, a differenza del passato, un buon 60% decise di tornare indietro, proprio come il protagonista del film e sua moglie Adele (Ave Ninchi), che nel nuovo paese si ammala di nostalgia, mentre il marito arriva a ordire un goffo imbroglio pur di trovare i soldi per il rientro in patria.